QUALI SONO LE USANZE DEGLI ITALIANI PER IL MATRIMONIO

QUALI SONO LE USANZE DEGLI ITALIANI PER IL MATRIMONIO

QUALI SONO LE USANZE DEGLI ITALIANI PER IL MATRIMONIO

Ogni paese ha le sue tradizioni e usanze. Ma quali sono le usanze tipiche dei matrimoni italiani? Scopriamo insieme le più famose e anche se non ci credete, siamo sicuri che in qualcuna di queste incapperete anche voi!
Molte coppie moderne spesso storcono il naso quando si parla di usanze e tradizioni, ma inconsciamente molte decisioni vengono prese in base ad esse perché fanno parte del nostro essere e della nostra cultura.
Abbiamo selezionato 10 usanze/tradizioni tra le più diffuse in tutta l’Italia per scoprire qual è la loro origine e il loro significato.

LE 10 USANZE TIPICHE DEI MATRIMONI ITALIANI

usanze italiani matrimonio

1 “NÈ DI VENERE, NÈ DI MARTE, CI SI SPOSA, NÈ SI PARTE”

Questo vecchio proverbio viene preso alla lettera soprattuto al sud. Tradizionalmente nei giorni di martedì e venerdì è sconsigliato partire o sposarsi perché si rischia di non portare a termine le cose. Molte coppie in realtà negli ultimi anni decidono di sposarsi proprio di venerdì.

2 IL BIANCO

Secondo la nostra tradizione l’abito della sposa deve essere bianco che rappresenta la purezza e l’eleganza. Molte donne negli ultimi anni, grazie alle tendenze del bride fashion, scelgono abiti avorio o crema che come il bianco sono sinonimo di purezza e raffinatezza.

3 IL BLU

Il blu è per eccellenza il colore del matrimonio, simbolo di sincerità, della fedeltà e della purezza. Lo si può scegliere come fil Rouge per il vostro matrimonio e creare interessanti addobbi e dettagli che incorniciato e definiscono lo stile del vostro matrimonio.

4 QUALCOSA DI VECCHIO, QUALCOSA DI NUOVO. QUALCOSA DI PRESTATO, QUALCOSA DI BLU.

Ne abbiamo già ampiamente parlato in questo articolo, ma questa è una delle tradizioni meglio ancorate nella nostra cultura. Qualcosa di vecchio rappresenta il legame con il passato; Qualcosa di nuovo invece rappresenta la vita di coppia che verrà; Qualcosa di prestato è il legame con una persona che ci vuole molto bene e per concludere, il blu come detto prima è il colore della lealtà.

5 ABITO DA SPOSA: NO SPOILER

Questa superstizione è sicuramente tra le più famose da nord a sud e prevede che lo sposo e gli invitati non vedano prima delle nozze l’abito della sposa. Questa superstizione nasce in tempi antichi, quando ancora i matrimoni erano combinati dalle famiglie. Questa “regola” venne imposta perché i futuri sposi spesso e volentieri non si vedevano nemmeno una volta prima delle nozze, cosicché nessuno dei due potesse cambiare idea e tirarsi indietro.

6 LE DAMIGELLE

Le damigelle sono importanti, perché in un momento così importante avrete vicino delle persone a voi veramente molto importanti. Questa tradizione nasce nell’antico Egitto, quando per paura che gli spiriti maligni colpissero e individuassero la sposa, veniva circondata da belle ragazze elegantemente vestite con lo scopo di confonderli.

7 IL CLACSON

Anche il clacson ha le sue radici nell’antichità, il suo scopo, come quello delle damigelle era di allontanare l’ira degli spiriti maligni. Ai giorni d’oggi è sicuramente un evento goliardico per festeggiare il matrimonio, un suono inequivocabile anche per chi lo sente lungo le strade.

8 BOUQUET E VELO

Il bouquet secondo alcune tradizioni dovrebbe essere regalato dalla suocera della sposa. Oltre al bouquet il compito della suocera è anche quello di infilare il velo all’interno della acconciatura. Per quello che riguarda i compiti della madre della sposa invece c’è l’acquisto del corredo.

9 LA SCELTA DEL MESE

Maggio è una scelta molto gettonata per i matrimoni, ma per i superstiziosi, non è la scelta migliore. Giugno, agosto, settembre e novembre secondo le credenze sono mesi di prosperità e allegria.

10 SPOSA BAGNATA SPOSA FORTUNATA

Sembra un modo carino e gentile per consolare gli sposi che non hanno trovato una giornata di sola nel giorno delle loro nozze, ma da sempre la pioggia è simbolo di prosperità e fortuna.

Atelier Fausto Sari

Condividi:

  • /